Italiano English Français

Cosa Fare e Cosa Vedere a Catania

Principali luoghi di interesse ed attrazioni turistiche da visitare durante una vacanza a Catania, in Sicilia.

Mare Catania

Circondata da un panorama naturale da togliere il fiato, Catania è sempre di più meta di turismo sia nazionale che internazionale. Le piste da sci di Linguaglossa, le famose località balneari e i preziosi siti storici fanno dai Catania una delle maggiori attrazioni dell’isola e del Meridione italiano.

Da non perdere è il bellissimo Duomo, obbligatoria prima tappa di ogni tour, fatto costruire nell’undicesimo secolo sui ruderi delle Terme Achilliane e modificato in chiave barocca nel Seicento.

Il Duomo di Catania

Dalla piazza del Duomo, il salto verso la frenesia e la vivacità del caratteristico mercato cittadino La Peschiera viene quasi da sé, per passare qualche ora immersi nello stile di vita tradizionale catanese. Gli appassionati di letteratura potranno inoltre visitare la  Casa museo di Giovanni Verga, grande scrittore realista siciliano, in Via S. Anna 8, aperto dal martedì al sabato.

La ricchezza storica e culturale della Sicilia viene immancabilmente impreziosita dalle prelibatezze gastronomiche disponibili sia nei ristoranti, che d’estate mettono i propri tavolini all’aperto, sia direttamente dai venditori ambulanti presso cui è possibile rinfrescarsi con una tipica granita e, soprattutto a Catania, addirittura fuori dalle macellerie dove i macellai iniziano ad arrostire alla fine della giornata di lavoro.

Catania e la sua provincia offrono innumerevoli spunti sia a turisti che a locali: a partire dall’Etna, classica “gita domenicale” per i catanesi e non solo, per finire con le tante oasi protette e riserve che non deluderanno gli amanti della natura e degli spazi aperti.

L’Etna

Etna, Catania

L’Etna offre scenari da favola, senza contare le diverse opportunità di ascesa – esistono diversi sentieri percorribili, nonché la possibilità di salire in funivia se avete poco tempo. Per arrivarci da Catania, potete imboccare direttamente la tangenziale ed uscire a Gravina, meta finale Nicolosi. Lì troverete il Rifugio Sapienza, ultima tappa prima della salita con la funivia. E se i catanesi forse in cima ci sono già stati, perché non provare uno dei tanti sentieri alternativi? Magari salire dal versante di solito favorito da chi arriva da Taormina, per poi fermarsi a fare un picnic rilassante nei boschi etnei dopo la discesa.

Le Gole dell’Alcantara

Gole alte fino a venti metri e strette quanto basta per suscitare uno spettacolo drammatico, un vero e proprio canyon scavato nella pietra scura di origine lavica. Il Parco dell’Alcantara si trova all’altezza di Taormina, raggiungibile facilmente da Catania con la A18.

L’Oasi del Simeto

Meta gettonata in tutte le stagioni, questo angolo di natura è casa di numerose specie protette, perfetto per la classica passeggiata domenicale ma anche per il birdwatching – nell’Oasi del Simeto sostano decine di specie di uccelli migratori, tra cui il cavaliere d’Italia e il fenicottero. Arrivarci è molto semplice: l’oasi si trova sulla costa, proprio sotto Fontanarossa; da Catania, ci arrivate guidando lungo viale Kennedy – consigliamo di spingersi a sud fino alla foce del Simeto e fermarsi a scattare qualche foto alle suggestive rovine del Castello del Duca di Misterbianco.

Il mare

Ed infine, a coloro che non riescono a fare a meno del mare, il catanese offre il paesaggio lavico della costa di Acireale, Santa Maria La Scala su tutti: questo piccolo borgo marinaro è separato dal mare da una striscia di scogli di lava scura.

Categorie:
Località: , , ,
Temi di Viaggio: ,
Speciali:
Condividi Questo Articolo
Google+
Autore: Gianluca

Amo viaggiare, mi piace scoprire nuovi posti e diverse culture. Ogni qual volta ne ho la possibilità ne approfitto per girare il mondo.

Articoli Correlati