Italiano English Français

Cosa Fare e Cosa Vedere ad Amsterdam

Amsterdam, una delle più belle capitali d'Europa. Un posto magico per chi ama viaggiare e divertirsi.

Amsterdam di sera

La Venezia del Nord. Definita così per il suo sistema di canali, è una delle mete turistiche più ambite. Sicuramente la capitale del divertimento e del proibito.

E’ celebre infatti per essere una delle poche capitali europee ad aver legalizzato l’uso delle droghe leggere come hashish e marijuana.
Tuttavia queste vengono consumate in Coffee shop appositi, non per strada e nel rispetto dei non fumatori; per non parlare del famoso Red Light Districht, il quartiere a luci rosse.

Ma queste non sono sicuramente le attrattive principali della città. Amsterdam è molto, molto di più.

Ti consiglio di camminare per le vie di Amsterdam a piedi o di percorrerle in bicicletta senza meta. Questo perché Amsterdam, è una città seducente: vicoli stretti offrono le più inimmaginabili installazioni artistiche, la vista cambia dai ponti che attraversano i canali e l’usanza olandese di non mettere tende alle finestre, sembra fatta apposta per incoraggiare la curiosità dei voyeur. Per alloggiare sarebbe quindi consigliabile scegliere una soluzione centrale che permetta di vivere al massimo le bellezze della città olandese.

Tutto sembra essere messo nel posto giusto con cura e dovizia di particolari. I caratteristici palazzi “storti” che si estendono per tutto il centro ed affacciano sui canali portano l’architettura dei “grachtenhuizen”, tipica olandese.

La strana inclinazione delle case con trave e gancio per le carrucole, gli ex depositi e le tasse sulla loro larghezza, quella sui fuochi a seconda del numero dei camini per cucinare, quella dei signori, per le donne di servizio. Le facciate ed i rilievi scolpiti, le lastre, la forma a cartone arrotolato che li incornicia con i due lati curvi e riccioli lungo il perimetro.

Perditi nel labirinto di vicoli, canali e costruzioni stravaganti che ti faranno credere di essere nel paese dei balocchi. Mentre cammini, infatti, sarai incuriosito dai tantissimi negozi eccentrici, le insegne luminose, le vetrine con dolci di ogni forma ed ogni leccornia quasi da farti credere di trovarvi nella favola di Hunzel e Gretel.

Amsterdam è la città “verde” per eccellenza. Ci sono 25 parchi in tutto, tra cui Voldel Park,e il 15% dell’aria comunale è destinata al verde. I tulipani sono dal Cinquecento una delle glorie nazionali.

Lungo il Singel, dietro la Munttoren, tra Muntplein eKoningsplein aperto per tutto l’anno, tutti i giorni tranne la domenica, dalle 9:30 alle 17:30, uno splendido mercato si sviluppa lungo il canale e propone, invadendolo con un mare di fantastici colori e fragranze, migliaia di fiori, ma anche bulbi, arbusti, piante consegnati direttamente dall’asta di Aalsmeer.

Se ti piacciono i mercatini non puoi perdere quello di Waterlooplein e di Albert Cupistraat. Questi mercati che si tengono tutti i giorni dalle 9:00 alle 17:00, sono rispettivamente uno delle pulci, e l’altro più appositamente per il cibo.

Nel primo potrai trovare ogni genere di cosa: vestiti, scarpe, abiti usati, libri, dischi, bigiotteria, giocattoli e chi più ne ha più ne metta. Se ti piace curiosare e perderti tra le bancarelle è il posto che fa per te. Il secondo invece, è l’ideale per assaggiare le specialità culinarie di Amsterdam. Gli squisiti formaggi, le patate, il cioccolato, i waffel e tanto altro ancora.

Un altro aspetto positivo è che la città non è grandissima e qualsiasi posto è raggiungibile in bicicletta.

Chi visita Amsterdam per la prima volta non può che partire da Piazza Dam (o, come la chiamano tutti, semplicemente “il Dam“). Qui potrete ammirare la facciata del Palazzo Reale e della Nieuwe Kerk (Chiesa Nuova), un edificio in stile gotico oggi sede di mostre ed esposizioni. Pedalando, in pochi minuti arriverete poi alla Oude Kerk (Chiesa Vecchia), consacrata nel 1305. L’edificio è caratterizzato da un impressionante tetto a volta in legno, una prova estrema d’audacia al tempo della costruzione. La Oude Kerk si trova nel cuore del quartiere a luci rosse. Ti consiglio, però, di evitare questo reticolo di strade affollate da turisti e pedalare costeggiando i canali per ammirare le famose e coloratissime case alte e snelle che sorgevano lungo i canali navigabili.

I Musei di Amsterdam

I musei rappresentano una delle principali attrazioni turistiche di Amsterdam. Dai capolavori del Secolo d’Oro e dell’arte moderna e contemporanea alla storia del cinema, teatro, fotografia, fino ai musei “tipicamente Olandesi“: Van Gogh Museum, Rijksmuseum, Casa di Anna Frank, solo per citarne alcuni.

Amsterdam offre moltissimi musei e non basterebbe un mese ad ammirarli tutti ma se avete solo un weekend a disposizione è meglio non esagerare: scegline uno soltanto a cui dedicare mezza giornata, magari un pomeriggio dopo un bel giro in bicicletta per il centro storico.

Il quartiere a Luci Rosse

Amsterdam Red Light District

Il cuore di Amsterdam è vivo: è unico e dinamico. Si tratta di una delle più belle città d’Europa con un centro urbano molto ospitale e ordinato. La capitale olandese vanta strade e vicoli pieni di carattere, così come canali affascinanti ed edifici storici. Al di là degli aspetti storici e culturali, Amsterdam è famosa in tutto il mondo per le liberalizzazioni in materia di fumo e prostituzione.

Grazie alla natura liberale e tollerante di Amsterdam, il quartiere a luci rosse si è sviluppato nel corso dei secoli ed è ormai diventato una delle principali attrazioni turistiche della città. Ogni anno, milioni di visitatori, tra cui moltissimi italiani, si recano per fare una passeggiata per queste strade storiche lastricate.

Considerare Amsterdam come la capitale della prostituzione sarebbe una cosa superficiale, infatti la città offre tantissime attrazioni ed il fatto che la prostituzione sia legale, rappresenta una scelta del governo per ostacolare la malavita e lo sfruttamento della prostituzione.

Il quartiere Wallen è conosciuto come il quartiere a luci rosse. Le prostitute si trovano dietro le vetrine e si mettono in mostra per attirare i passanti. Infatti questa zona storicamente fu un importante centro di prostituzione, dove si trovano sia ragazze che transessuali, questi ultimi nelle vetrine con la luce blu.
La prostituzione è legale nei Paesi Bassi dal 2000. Prima di allora, la prostituzione era tollerata, anche se era tecnicamente illegale.

La prostituzione è legale nei Paesi Bassi fino a quando si tratta di un atto volontario tra due adulti consenzienti. Per fermare gli abusi nell’industria del sesso, i Paesi Bassi hanno deciso di cambiare la legge in modo da tenere sotto controllo questo fenomeno. Per legalizzare la prostituzione, il governo ha ottenuto un forte controllo del settore che ha messo fine alla prostituzione forzata.

Le strade sono piene con le iconiche finestre rosse fluorescenti dietro la quale le donne di tutte le nazionalità, offrono i loro servizi. Tra questi si trovano tutta una serie di altri locali: bordelli tradizionali, sexy shop, bar gay, cinema, ristoranti alla moda, caffè, bar, hotel ed una varietà di musei.

Categorie:
Località: , , ,
Temi di Viaggio: , ,
Condividi Questo Articolo
Google+
Autore: Gianluca

Amo viaggiare, mi piace scoprire nuovi posti e diverse culture. Ogni qual volta ne ho la possibilità ne approfitto per girare il mondo.

Articoli Correlati