Sardegna

La Sardegna è uno dei luoghi più rinomati d’Italia, per bellezza, ma anche per le enormi qualità di questa terra, sia sotto il punto di vista naturalistico che sotto quello enogastronomico.

Regione dalle mille meraviglie, soave incontro tra cielo e terra, in un sublime e armonioso mix in grado di lasciare senza fiato chi in maniera amorevole gode delle sue infinite e variegate bellezze.

La Sardegna, isola incantata, è meta ogni anno di migliaia di turisti che decidono di trascorrere sull’isola i giorni dedicate alle vacanze estive.

I principali porti italiani vengono infatti presi d’assalto nel periodo dei mesi estivi dai tanti turisti che amano raggiungere la propria meta attraverso i vari traghetti per la Sardegna.

Rispetto all’aereo, scegliere una nave veloce o un traghetto permette di godere appieno del viaggio fin dal porto di partenza: è un turismo lento e più indicato a chi in ferie desidera veramente rilassarsi.

Attività da fare in Sardegna

Prenotazione sicura, facile e rapida, prezzi vantaggiosi e assistenza clienti in italiano.

Cosa mangiare in Sardegna

Il cibo in Sardegna rappresenta una tradizione millenaria che trova la sua più efficace espressione in un’arte culinaria nella quale culture differenti si abbracciano, componendo manicaretti semplici ma allo stesso tempo estremamente gustosi.

Sotto il punto di vista enogastronomico la Sardegna è tra i luoghi più rinomati d’Italia.

I formaggi, su tutto, sono il fiore all’occhiello della produzione sarda, ma anche carni, dolci, miele da accompagnare ai formaggi stessi e deliziosi vini rendono la Sardegna un luogo ideale da visitare.

Cosa vedere in Sardegna

Un patrimonio, quello sardo, preziosamente articolato e che fa della genuinità e della natura incontaminata due prerogative imprescindibili.

Gli abitanti, mediante le loro usanze caratteristiche, intratterranno cordialmente chiunque visiterà la loro terra natia.

Il mare, dalle cromaticità trasparentemente cristalline, rifletterà chilometri di candide coste, ideali per trascorrere ore di puro relax e divertimento, in risposta a qualsiasi tipologia di esigenza.

Cultura, infine, anch’essa proveniente da differenti influenze ed infinitamente variegata, con siti ed attrazioni turistiche uniche e dai caratteri inconfondibili.

La Sardegna è un luogo irrinunciabile per chiunque voglia godersi le bellezze d’Italia: in estate la Sardegna è esuberante, con locali dove la vita mondana prolifera e lascia ai visitatori ampio spazio per divertirsi e bearsi durante le piacevoli notte estive.

Oltre ai locali in Sardegna c’è il forte richiamo del mare: spiagge bellissime e mozzafiato caratterizzano le coste sarde, rendendole uniche al mondo.

Luoghi come la Costa Smeralda e le spiagge di Stintino, a nord dell’isola, deliziano con i loro colori e le acque cristalline, oltre ad esser luoghi dove la vita notturna è molto attiva.

Luoghi d’incanto si trovano lungo tutte le coste dell’isola, come la spiaggia Punta Molentis di Villasimius o la spiaggia rosa di Budelli, visitabile solo grazie ad una guida, ma che è in grado di regalare ai vostri occhi e, perché no, all’obiettivo della vostra macchina fotografica, scenari di meravigliosa poesia.

Di seguito, una serie di luoghi che, per bellezza e valore naturale o storico, è consigliabile visitare e ammirare.

Arcipelago della Maddalena

Tra i luoghi più riconosciuti e apprezzati dell’intera isola sarda, si contraddistingue per il suo infinito fascino naturalistico.

Sede del Parco Nazionale Arcipelago della Maddalena, tutelato e protetto mediante leggi nazionali, questo gruppo di isolette situato nel nord della Sardegna si fa ammirare per le sue coste aggraziate, nelle quali terra e mare compongono un connubio indimenticabile per gli occhi di chi ne contempla la spettacolarità.

L’Arcipelago della Maddalena ospita inoltre una delle località simbolo della storia italiana: Caprera, famosa per aver ricevuto l’esilio di Giuseppe Garibaldi.

Basilica di Saccargia

Una delle più importanti rappresentazioni dello stile romanico presenti in Sardegna, è situata nella località di Codrongianos, in provincia di Sassari.

Un maestoso campanile che governa tutta la campagna circostante, come una vedetta che in maniera sapiente controlla il suo territorio.

Dipinti dall’inestimabile valore artistico ornano ed abbelliscono questo sito unico nel suo genere, soggetto più volte ad opere di valorizzazione e conservazione.

Bastione di Saint Remy

Tra gli edifici storici più importanti e visitati di Cagliari, il bastione di Saint Remy deve la sua denominazione al viceré piemontese Filippo Guglielmo Pallavicini.

Un sito, questo, dal quale ammirare l’intero capoluogo sardo, punto di riferimento dove poter utilmente ed agevolmente selezionare le tappe successive nelle quali recarsi.

Bosa

Piccolo e accogliente centro di poco più di 7.000 anime situato nella provincia di Oristano, Bosa colpisce lo sguardo per le sue mille vivaci colorazioni, provenienti da abitazioni che tuttora conservano gelosamente l’antica tradizione sarda.

Un interminabile filo temporale attraversa da secoli questa cittadina, dalla preistoria all’età fenicia, dal Medioevo al 700, epoca quest’ultima nella quale Bosa divenne un importante punto di riferimento nella lavorazione delle pelli: a testimonianza vi è ai giorni nostri il quartiere di Sas Conzas, vero e proprio reperto vivente di archeologia industriale.

Cala Luna

Facente parte del Golfo di Orosei, Cala Luna è stata in passato location di numerose pellicole italiane e straniere.

L’erosione costante del suo territorio ha prodotto in questa spiaggia numerose insenature e grotte, in grado di rendere ancor più suggestivo tale luogo.

Capo Carbonara

Promontorio che dalla comunità di Villasimius raggiunge il mare, Capo Carbonara possiede una particolare peculiarità: è il punto meno piovoso d’Italia.

I cristalli di quarzo presenti all’interno della sabbia donano alle sue spiagge una particolare lucentezza, sole e sabbia illuminano a festa uno dei posti più belli della Sardegna.

Costa Smeralda

Non può mancare tra le località sarde di maggior successo la Costa Smeralda.

Le sue incantevoli spiagge e il suo mare azzurro hanno fatto di questo luogo meta e punto di incontro di sportivi, V.I.P. e imprenditori.

Grotte di Nettuno

In territorio di Alghero sorge un luogo che, per bellezza e unicità, non può mancare in qualunque itinerario.

Le grotte di Nettuno, appunto, formazioni naturali carsiche che prendono il loro nome dall’omonima divinità greca, particolari stalattiti e stalagmiti abitano queste grotte, visitabili quasi per intero e facilmente raggiungibili.

Spiagge della Sardegna

Un’isola non può che essere circondata da spiagge magnifiche, la Sardegna offre lo spettacolo di ventuno zone marittime, esse sono (in ordine alfabetico): Alghero, Arcipelago della Maddalena, Baronie, Bosa, Cala Gonone, Costa del Sud,Costa Paradiso, Costa Rei, Costa Smeralda, Costa Verde, Golfo degli Angeli,Golfo dell’Asinara, Isola di San Pietro, Isola di Sant’Antioco, Ogliastra nord, Ogliastra sud, Porto Rotondo, San Teodoro, Santa Teresa, Sinis e Stintino.

Di queste, quattro sono le più celebri: la Costa del Sud, la Costa Paradiso, la Costa Rei, la Costa Verde e la Costa Smeralda.

Costa del Sud

La spiaggia Perda ‘e Sali, la spiaggia Su Stangioni Foxi Niedda, la spiaggia Rada di Sant’Efisio, la spiaggia Porto d’Agumu, la spiaggia Foxi ‘e Sali, la spiaggia Forte Village, la spiaggia Su Portu, la spiaggia Sa Colonia, la spiaggia Su Giudeu, la Cala d’Ostia, la Cala Bernardini, la Cala Cipolla, la Cala Tuerredda, Cala Piscinnì, la Cala Piombo, il Campumatta, il Porto Campana, il Porto Tramatzu, il Porto Pirastu, e il Porto Zafferano.

Costa Paradiso

La spiaggia Rinaggiu, la spiaggia La Marinedda, la spiaggia Tinnari, la spiaggia Li Cossi, la spiaggia L’Agnata, la spiagia di Vignola, la spiaggia Naracu Nieddu, la spiaggia Lu Littaroni, la spiaggia La Piana, la Cala Serraina, la Cala Faa e la Cala dell’Amore.

Costa Rei

La spiaggia Colostrai, la spiaggia Feraxi, la spiaggia Portu S’Ilixi, la spiaggia Ziu Franziscu, la spiaggia Piscina Rei, la spiaggia Costa Rei, la spiaggia Scoglio Peppino, la spiaggia Santa Giusta, la spiaggia Punta Molentis, la spiaggia Simius, la spiaggia Porto Giunco, la spiaggia del Riso, la spiaggia Campulongu, la spiaggia Campus, la Cala Sant’Elmo, la Cala Pira, e il porto Sa Ruxi.

Costa Verde

La spiaggia Porto Paglia, la spiaggia Plag’e Mesu, la spiaggia Funtanamare, la spiagga di Masua, la spiaggia San Nicolò, la spiaggia Portixeddu, la spiaggia Scivu, la spiaggia Narucci, la spiaggia Piscinas, la spiaggia Portu Maga, la spiaggia Funtanazza, la spiaggia Porto palma, la spiaggia Torre dei Corsari, la spiaggia Pistis, la spiaggia Sa Niedda, la spiaggia Punta Frasca, la Cala Campu Sali e la Cala Domestica.

Costa Smeralda

La Costa Smeralda regala la spiaggia Mannena, la spiaggia del Pevero, la spiaggia Capriccioli, la Cala Battistoni, la Cala Granu, la Cala Liscia Ruia, la Capa Petra Ruia, la Cala Razza di Giunco, la Cala Arena Bianca e il Portu Li Coggi.

Su Nuraxi

Situato in territorio di Barumini, nella Sardegna meridionale, Su Nuraxi è un sito archeologico risalente all’età nuragica.

I nuraghi rappresentano la testimonianza più imponente di quell’epoca, maestosi monumenti composti da grossi massi tra loro assemblati.

Strutture sopravvissute fino ai giorni nostri, un fascino a tratti enigmatico che non si può non ammirare.

Eventi in Sardegna

Capodanno in Sardegna

Villanovaforru, Olbia, Cala Liberotto, Oliena, Arborea, Bosa, Cala Gonone e Tempio Pausania. Questi i luoghi dove sarà possibile dare il benvenuto al giorno più atteso dell’anno per un Capodanno in Sardegna all’insegna del divertimento e dei festeggiamenti sfrenati.

Villanovaforru è un paese del Medio Campidano, adagiato tra le dolci colline della Marmilla, a circa mezz’ora di automobile dal capoluogo cagliaritano. Tra le sue bellezze ricordiamo la presenza del nuraghe Genna Maria, con un grande museo archeologico, circondato da un villaggio di capanne di pietra di alto valore storico.

Olbia è definita la capitale della Costa Smeralda, nel cuore della regione storica della Gallura, tra rocce modellate dal vento e un mare azzurro e cristallino. Si affaccia su una profonda insenatura, a due passi da località quali Porto Cervo, Porto Rotondo, Palau e La Maddalena e le sue isole.

Rimanendo sempre in Gallura, c’è Tempio Pausania, una cittadina circondata da fitti boschi di querce secolari e millenarie che ha avuto un importante ruolo in Sardegna fin dal periodo nuragico. Il suo territorio, infatti, è ricco di siti archeologici e monumenti storici legati all’epoca romana, all’età giudicale fino al periodo sabaudo.

Cala Liberotto e Cala Gonone si affacciano nel bello e ampio Golfo di Orosei. Entrambe si caratterizzano per avere spiagge di fine e candida sabbia che crea giochi di luce con i celesti riflessi del mare.

Spostandoci più nell’entroterra della provincia di Nuoro, troviamo Oliena, dove tradizioni e legame con il passato si uniscono all’ospitalità dei suoi abitanti e a prodotti enograstronomici senza paragoni. Si crea così un mix di qualità per un soggiorno unico e straordinario tra i verdi boschi e i monti della Barbagia.

Nella cosa ovest dell’isola, invece, si trova Arborea. Una cittadina di allevatori e agricoltori posta di fronte al Golfo di Oristano, da cui dista qualche chilometro. Da qui si possono andare a visitare le alte dune di sabbia dorata di Piscinas e Torre dei Corsari o le splendide spiagge di Is Arutas e Mari Ermi, fatte da chicchi di quarzo bianchi e rosa.


Altre guide di viaggio

Dai uno sguardo a queste ulteriori guide di viaggio che potrebbero interessarti.