Martinica

La Martinica è un’isola che rientra, come territorio, dentro quello più ampio dell’arcipelago delle Piccole Antille (Caraibi) ma come appartenenza politica è uno dei Territori d’Oltremare della Repubblica francese.

Dipende quindi da Parigi e della Francia conserva anche la lingua e parte della cultura.

Come altri Territori d’Oltremare francesi, anche qui è in corso l’Euro come moneta.

Sui suoi 80 chilometri di lunghezza per 39 chilometri di larghezza trovano posto 34 comuni e 4 distretti, mentre il punto più alto è il Monte Pelée (1397 metri), un vulcano attualmente dormiente ma non spento.

Il clima è gradevole tutto l’anno, ma il periodo migliore per visitare l’isola è tra gennaio e luglio, quando non si scatenano i violenti temporali e i tornado dell’autunno caraibico.

Per arrivare in Martinica, i voli dall’Italia fanno scalo obbligato in Francia prima di dirigersi verso l’aeroporto internazionale di Fort-de-France.

Per i cittadini europei non serve il passaporto, perché l’isola fa parte della UE insieme alla Francia.

Per spostarsi nell’isola, è consigliabile noleggiare un’auto perché i taxi sono carissimi e gli autobus o mini-van locali sono affollati e spesso in ritardo.

La Martinica è il luogo ideale dove poter staccare la spina da tutto e dimenticare i problemi della vita quotidiana per quindici o venti giorni.

Attività da fare in Martinica

Prenotazione sicura, facile e rapida, prezzi vantaggiosi ed assistenza clienti in italiano.

Cosa vedere in Martinica

Per vivere il mare di Martinica, ci si può lanciare nelle decine di attività acquatiche che l’isola incoraggia a fare: immersioni subacquee, escursioni in catamarano, surf, kite-surf, vela, le gite in mare o sui fiumi dell’isola in kayak.

Può sembrare strano strano, ma la Martinica non è soltanto sole e spiagge da sogno.

Il 90% dei turisti che arriva fin qui lo fa per stendersi al sole ma c’è tanto altro da vedere su quest’isola ricca di una bellissima natura selvaggia.

Ci sono chiese, musei, cittadine, ci sono monumenti e testimonianze di popoli antichi.

In Martinica non ci si annoia di sicuro, il bel clima e la gentilezza con cui i suoi abitanti accolgono il turista permette di svolgere numerose attività diverse durante la vacanza: si può fare sport, gite culturali, escursioni nella natura, escursioni avventurose ed immersioni.

C’è solo l’imbarazzo della scelta!

Avventura in buggy in Martinica

La dune buggy, automobile destinata alla marcia su sabbia, è l’ideale per conoscere l’entroterra di Martinica su percorsi di avventura e scoperta archeologica.

Lontani dal mare, ma non troppo in fondo, immersi in un mondo verde ed incantato.

Escursioni in Martinica

Le escursioni, che vengono organizzate continuamente su tutta l’isola, sono l’attività migliore da fare in Martinica per tutti coloro che amano camminare o andare a cavallo.

I percorsi da non perdere

  • Le Gorges de la Falaise.
  • La Route de la Trace, percorso campestre in mezzo alla savana dal capoluogo fino ai 450 metri di altezza di Morne Rouge.
  • Il Cammino dei Pitoni per chi non teme l’incontro ravvicinato con i serpenti
  • L’itinerario “di spiaggia in spiaggia” facendo quasi il giro dell’isola a piedi.

Fort-de-France in Martinica

Il capoluogo della Martinica fu fondato nel 1635 e da allora è cresciuto senza perdere però quell’aura di passato misto a presente che la rende speciale.

Sono molti i monumenti che offre al turista, come la bellissima Biblioteca Schoelcher, con uno stile “arabo-bizantino” unico in tutto il continente americano, la Cattedrale di St-Louis ed il Mercato Coperto.

Bellissima anche la piazza-giardino di Savane.

Da visitare i musei dell’Archeologia e della Storia Regionale di Martinica.

Giardini di Ajoupa in Martinica

Un orto botanico ricchissimo di piante tropicali, dalla bellezza unica, situato nel comune di Ajoupa-Bouillon.

Tra foreste, cascate, spiagge tropicali e antiche rocce si può ammirare il percorso detto “Gole della Scogliera” (Gorges de la Falaise).

Habitacion Clément in Martinica

Perché spingersi fino a questa costruzione in legno immersa in una foresta di canne da zucchero?

Perché qui, dal 1917, si produce un ottimo rum e tutto il processo lavorativo di questo buon prodotto viene illustrato ai turisti passo dopo passo.

Le Marin in Martinica

Cittadina turistica affacciata sul mare dei Caraibi, possiede uno dei più bei lungomare dell’isola ed il porto turistico più amato della zona.

Qui attraccano gli yacht e le barche a vela più belle.

Mont Pelée in Martinica

Il vulcano Pelée è un monumento naturale di gran fascino.

Sorvegliatissimo perché le sue eruzioni sono improvvise ed imprevedibili (l’ultima nel 1902), è comunque meta ambita da molti turisti che amano scalare le montagne.

Una volta in cima al vulcano, ammirare l’isola e le coste caraibiche dall’alto lascia senza fiato chiunque.

Saint-Pierre in Martinica

Antica capitale della Martinica, fu distrutta totalmente dall’eruzione del Pelée del 1902.

Rimase in piedi solo la prigione e i condannati al suo interno si salvarono!

Oggi è da ammirare la bellissima cattedrale neoclassica ed il Museo Vulcanologico.

Spiagge dell’oceano Atlantico in Martinica

Sul lato est, le spiagge della Martinica si affacciano sulle onde agitate dell’oceano Atlantico.

Le spiagge più interessanti:

  • La selvaggia Anse Trabaud
  • La tropicalissima Anse Michel
  • Ilet Chancel, verso nord, dove vivono libere le iguane.

Spiagge del mar dei Caraibi in Martinica

Tra le spiagge che si affacciano ad ovest, sul mar dei Caraibi, la più bella è sicuramente Les Salines, amata dai surfisti di tutto il mondo, ma a farle buona compagnia troviamo anche Pointe du Marin, la spiaggia “per famiglie” più riparata ma altrettanto bella.

Verso nord la sabbia diventa nera, per via delle eruzioni vulcaniche del Pelée, come quella del lido di Anse Couleuvre.

Villaggio Arawaks in Martinica

Antico insediamento indigeno sulla costa atlantica presso Le Lorraine.

Qui si può ammirare come vivevano gli abitanti della Martinica prima dell’arrivo di Colombo nelle Americhe.

Villaggi dei pescatori in Martinica

Per chi ama la tradizione autentica delle isole, andare a visitare questi piccoli paesi di gente di mare è come fare un giro in un sito archeologico.

In particolare, Anse d’Arlet e Anse à Ane sono mete da non perdere.

Hotel ed altri posti dove soggiornare in Martinica