Ulan Bator

La capitale della Mongolia Ulan Bator si trova nella valle del fiume Tuul, ai confini con il Parco Nazionale Bogd Khan Uul.

Inizialmente un centro nomade buddista, divenne un insediamento permanente nel XVIII secolo.

L’occupazione sovietica nel XX secolo portò a un’epurazione religiosa.

I tratti distintivi della città così come la vediamo oggi sono edifici d’epoca sovietica, musei con monasteri intatti e un vivace connubio tra stili di vita tradizionali e contemporanei.

La piazza centrale di Ulan Bator, chiamata Gengis Khan o Sukhbaatar, ospita le statue di leader mongoli.

Il Museo Nazionale ripercorre il patrimonio storico-culturale del Paese, mentre il Palazzo Culturale sfoggia il tipico stile sovietico. I Monasteri di Gandan e di Choijin Lama sono sopravvissuti alle epurazioni.

A Gandan, caratterizzato da una statua a foglia d’oro alta 26 metri, vive una comunità di monaci, mentre Choijin Lama è stato convertito in un museo, così come il Palazzo d’Inverno di Bogd Khan, l’ultimo re della Mongolia. Dalla Collina di Zaisan si aprono panorami della città e dei monti.

Fuori dalla capitale, escursioni a dorso di cavallo o di cammello si avventurano nel Parco Nazionale di Gorkhi-Terelj alla scoperta di accampamenti di yurte.

Categorie Mongolia