Karlsruhe

Karlsruhe è un’affascinante località della Germania, caratterizzata dalla vicinanza alla Foresta Nera e dei fiumi Reno e Pfinz.

Questa città, il cui nome significa letteralmente “riposo di Carlo”, ha un ventaglio di strade che si diramano dal cuore centrale, dove si trova la torre del castello cittadino.

Una città distrutta in parte dalla seconda guerra mondiale, sempre pronta a offrire qualcosa di esclusivo ai turisti di tutto il mondo.

Cosa vedere a Karlsruhe

Le cose da vedere sono tantissime, non mancano i monumenti storici come il castello con la torre, il giardino adiacente e l’elegante Schlossplatz.

La maggior parte degli edifici, oggi sorgono nei pressi del castello, tra questi anche la sede della Corte Costituzionale Federale Tedesca. Da non perdere il il giardino botanico e gli edifici realizzati da Weinbrenner in stile neoclassico.

Badisches Staatstheater Karlsruhe

Edificato nel 1975, il teatro civico Badisches di Karlsruhe affonda le proprie radici in un elegantissimo teatro del 1808, poi distrutto durante i bombardamenti della seconda guerra mondiale; dalla ricostruzione, durata quasi trent’anni, è nata una struttura moderna e ospitale aperta alle tre forme di teatro.

Al teatro Badisches, infatti, si mettono in scena prosa, danza e spettacolo musicale. Il complesso del Badisches comprende anche la sede dell’orchestra di Karlsruhe e la sede della Corale. Dal 1985 qui si svolgono i Festival Musicali dedicati a Haendel.

Botanischer Garten Karlsruhe

Questo è uno dei due giardini botanici della città, l’altro è quello dell’università, al quale si accede da un grandioso portale ad arco sormontato da due torrioni in stile medievale.

Fondato nel XIX secolo, subì gravissimi danni dopo i bombardamenti della seconda guerra mondiale e fu ricostruito secondo la struttura attuale nel corso degli anni Cinquanta del secolo scorso. Le tre bellissime serre ottocentesche sono state riprodotte quasi uguali, con: la casa delle camelie (che ospita questi e altre decine di bellissimi fiori), la casa delle palme e la casa delle piante tropicali.

Tante altre specie floreali si possono ammirare lungo i viali e le aiuole all’aperto del parco.

Castello di Karlsburg

Il Castello di Karlsburg è il cuore di Karlsruhe perchè fu proprio intorno a questo castello che nacque, lentamente, la città moderna.

Fu costruito nel XVI secolo dal margravio Carlo II che lo scelse come residenza invece della reggia di Pforzheim e oggi rimane solo un’ala dell’antico palazzo; il resto fu ricostruito dopo diversi incendi e demolizioni e oggi si presenta con un aspetto più ottocentesco.

Dal 1924 ospita: il Museo di Pfinzgau, il Museo dei Carpazi Tedeschi, una scuola per adulti e gli uffici dell’anagrafe.

Castello di Karlsruhe

Edificato nel XVIII secolo, questo enorme palazzo fu la residenza reale dei discendenti di Carlo II (Carlo Federico e Carlo Guglielmo).

Ha la forma tipica delle grandi regge germaniche, con due lunghe ali che sembrano abbracciare la piazza antistante e in più una torre centrale.

Ovviamente non resta più nulla del primo castello, costruito in legno, che venne ben presto sostituito con quello in muratura. Dopo i bombardamenti della seconda guerra mondiale, il castello di Karlsruhe gravemente danneggiato fu ricostruito e restaurato cercando di mantenere lo stile tipico settecentesco.

Chiesa del Cuore di Gesù

Parrocchia moderna situata in Grenadierstrasse, fu istituita parrocchia nel 1949 dopo essere stata costruita intorno a quella che un tempo fu l’area di una piscina comunale.

I lavori furono completati solo a metà degli anni Cinquanta, con la forma che tutt’oggi si può ammirare, ed è da allora un centro culturale di notevole importanza, centro anche di una scuola per l’infanzia. La parrocchia serve i quartieri di nord ovest e il villaggio dei militari americani.

Chiesa evangelica di Stato

Ha la forma di un immenso tempio greco, questa grande chiesa protestante di Karlsruhe, costruita agli inizi del XIX secolo.

Distrutta durante la seconda guerra mondiale venne ricostruita a immagine della prima tra il 1949 e il 1957, inaugurata poi l’anno seguente. Se all’esterno è rimasto lo stile neoclassico tipico del tempio originario, gli interni sono molto moderni in cemento, cristallo e vetrate artistiche, con gli arredi in legno.

La chiesa si completa con un bel campanile alto più di 60 metri, al quale si può accedere per ammirare la città dall’alto.

Chiesa parrocchiale di Santo Stefano

Chiesa gemella, ma di rito cattolico, della Chiesa evangelica di Stato, anche Santo Stefano fu edificata a inizio XIX secolo, precisamente tra il 1804 e il 1814.

Le due chiese furono erette quasi in contemporanea, ma Santo Stefano ha forme più semplici e massicce, in mattoni rossi, con una forma circolare dentro cui è iscritta la struttura a croce greca, coperta da una grande cupola centrale; il campanile è più basso.

Nonostante la distruzione durante un bombardamento della seconda guerra mondiale, la chiesa (subito ricostruita) è riuscita a salvare alcune preziose opere d’arte risalenti al XVI e al XVII secolo.

Oggi è una delle più grandi parrocchie di Karlsruhe e, associata ad essa, si trova la Biblioteca del Baden-Wurttemberg che ne riprende l’architettura. Gli interni sono stati totalmente rifatti nel 2011 secondo uno stile moderno e minimalista.

Galleria Nazionale d’Arte

Questo è il più importante museo di Karlsruhe, esiste dal 1846 e da allora ospita il meglio dell’arte tedesca, in particolare la pittura.

Ma non solo i tedeschi sono protagonisti di queste esposizioni.

Nomi come Durer, Cranach, Holbein si affiancano a opere di Paolo Uccello, di Vincent, di Grunewald in un percorso che comprende: pittori tedeschi dell’alto medioevo e del rinascimento, pittori tedeschi e olandesi (XVI-XVIII secolo), pittori olandesi del XVI secolo, pittori francesi e artisti tedeschi del XIX secolo.

Kaiserstrasse

Nel XVIII secolo questa lunga strada collegava tutti i piccoli comuni nei dintorni di Karlsruhe. Langstrasse (strada lunga) era appunto il suo antico nome.

Nel 1879, però, in onore del matrimonio imperiale tra Guglielmo I e Augusta il nome divenne Kaiserstrasse, la strada dell’imperatore. A quel tempo, Karlsruhe era già in piena espansione e molti comuni limitrofi erano stati assorbiti, divenendo quartieri; la via dunque era diventata una elegante strada del centro.

Nella zona nord, questa strada oggi costeggia l’università, mentre nella zona centrale, dove sorgono la maggior parte dei negozi, dopo una certa ora della sera diventa un “luogo di appuntamento” a cielo aperto, con diverse attività di prostituzione che qui è tolleratissima e legale.

Ben collegata con tram e metro, per buona parte la via è anche pedonale e dunque vietata ai mezzi a motore.

Marktplatz

Una elegante piazza a forma di ventaglio che un tempo ospitava il mercato, oggi è il cuore pulsante di Karlsruhe.

Qui si trova il municipio, qui sorge la Piramide di Karlsruhe, simbolo della città e mausoleo del margravio Carlo Guglielmo che vi è sepolto. Sulla piazza si affaccia anche la prima chiesa protestante evangelica della città.

Spianata tra il 1800 e il 1807, la piazza un tempo ospitava la fiera alimentare del paese mentre oggi è il centro della vita culturale e mondana di Karlsruhe, abbellita anche da una fontana dedicata al Granduca Ludovico.

Museo della Letteratura dell’Alto Reno

Fondato nel 1924 dal poeta Joseph Viktor von Scheffel, il museo venne battezzato con il suo nome e soltanto nel 1981 prese la denominazione attuale.

Lo scopo iniziale era in effetti quello di tutelare le opere poetiche del fondatore e degli altri letterati del suo tempo, ma nel corso del XX secolo si decise di farne un vero e proprio museo della letteratura, il primo in Germania.

Il museo è dedicato alla notevole letteratura germanica dalle origini fino ai nostri giorni e si compone di collezioni permanenti (sulle correnti Umanistiche, Barocche, sullo Sturm Und Drang…) e temporanee, oltre che di eventi e convegni che ne sono parte integrante.

Sandkorn-Theater

Il teatro Sandkorn di Karlsruhe esiste dal 1956 ed era la proprietà privata di una compagnia che lo ha gestito fino al 2017. Inizialmente era situato in un antico scantinato, quindi fu trasferito in una vecchia fabbrica restaurata dove sono ospitati anche altri tipi di teatro cittadino, ad esempio il teatro delle marionette.

Oggi il Sandkorn è molto attivo non solo in termini di spettacoli, ma anche come centro didattico con laboratori di recitazione per bambini e giovani; diverse le iniziative di “teatro interattivo”.

Schlosspark

Lo Schlosspark o Schlossgarten di Karlsruhe inizia nel centro cittadino, a ridosso del palazzo reale, e prosegue poi per una lunghezza di 15 km verso la periferia.

Si tratta di un grande spazio verde a ventaglio, con prati, sentieri, laghetti e boschi inaugurato per la prima volta nel XVIII secolo, allo scopo di custodire le collezioni botaniche dei principi.

Era delimitato da muri e cancelli, da cui il nome (schloss, chiuso), e inizialmente veniva aperto solo in occasioni particolari e si poteva accedere sottostando a regole severissime. Dal XIX secolo invece il parco è aperto a tutti. Dentro si possono ancora ammirare decine di specie di piante particolari, tra cui anche esemplari tropicali.

Staadtische Galerie Karlsruhe

La Galleria d’Arte Cittadina è un museo artistico che mira a conservare le opere dal XX secolo in poi.

Fu fondato a fine XIX secolo con il grande ideale di catturare ogni forma di bellezza che si sarebbe prodotta nel Novecento.

Non si ammirano solo quadri, alla Staadtische Galerie Karlsruhe, ma anche incisioni, fotografia, sculture e installazioni di artisti famosi, tedeschi e non, ma anche di giovani e di accademici moderni.

Turmbergbahn

La funicolare che collega i quartieri a valle di Karlsruhe con quelli in collina fu costruita nel 1888 e questo fa di essa la più antica funicolare della Germania.

Funzionava con un sistema di propulsione idraulica che soltanto nel 1966 fu sostituito con un più pratico e rapido sistema elettrico. La funicolare di Turmbergbahn ha continuato a funzionare anche durante le guerre, interrompendosi soltanto due volte a causa dell’inasprirsi del secondo conflitto mondiale.

Dopo il passaggio al sistema di propulsione elettrica, la ferrovia è stata estesa fino a valle e affianca la stazione dei treni; oggi i simpatici vagoncini gialli e rossi sono alla portata di tutti.

ZKM

Il Centro per l’Arte e la Tecnologia dei Media (Zentrum für Kunst und Medientechnologie) nasce a Karlsruhe nel 1989 e viene ospitato oggi nei locali restaurati della ex fabbrica di armi della città.

Gli enormi spazi includono ben due musei, tre laboratori di ricerca e un centro per lo sviluppo dei media dove i ricercatori lavorano per migliorare e aggiornare costantemente i mezzi di comunicazione.

Ospita anche molte mostre a tema ed è parte integrante della Facoltà di Design dell’Università di Karlsruhe che utilizza questi spazi per alcuni laboratori didattici.

Zoologischer Stadtgarten

Aperto nel 1865, lo zoo di Karlsruhe è il più antico giardino zoologico della Germania. Ha ospitato oltre 4000 animali di 250 specie diverse.

Nel 2010, un devastante incendio ha ucciso buona parte della fauna che viveva nel parco ma oggi lo zoo ha recuperato quasi tutte le specie iniziali.

Strutturato come un grande parco, dove gli animali godono di spazi ampi e con poche limitazioni, si può girare tramite i mezzi per i turisti che lo zoo fornisce tra i quali anche piccole imbarcazioni che attraversano il lago centrale.

Attività da fare a Karlsruhe

Prenotazione sicura, facile e rapida, prezzi vantaggiosi e assistenza clienti in italiano.

Storia di Karlsruhe

Karlsruhe come città nasce nel XVIII secolo ma sicuramente la zona era abitata fin dai tempi dei Romani, come testimoniano i ritrovamenti di fabbriche di mattoni del I secolo dopo Cristo.

I villaggi che da allora hanno ospitato la scarna popolazione, però, non hanno mai formato un vero e proprio centro urbano fino al misterioso evento del 1715: in quell’anno, il principe margravio Carlo di Baden-Durlach, durante un momento di riposo nella foresta che circondava la sua città, sognò un bellissimo palazzo che, subito dopo, volle mettere su carta in un progetto vero.

Intorno a quel palazzo sorsero diverse vie che si allungavano, ciascuna secondo una specifica direzione dei venti, formando un ventaglio; ecco perché oggi Karlsruhe (il cui nome significa “il riposo di Carlo”) ha ancora la forma di ventaglio con al centro la reggia, o Castello di Karlsruhe.

La giovanissima città si estese in fretta e già nel 1806 divenne la sede del Granducato di Baden, ottenendo addirittura uno statuto speciale e molto moderno, per l’epoca. Da allora, Karlsruhe ha battuto diversi primati: prima città tedesca ad avere un organismo simile ai parlamenti moderni, prima città ad avere un corpo dei vigili del fuoco, prima città ad avere un trasporto funicolare e uno zoo.

Nel 1825 ottenne anche un proprio istituto universitario, il Politecnico. Nel 1863 qui fu fondato anche il primo tribunale libero della Germania. A fine XIX secolo, a Karlsruhe si svolse il convegno in cui, per la prima volta, si parlò di un elemento chiamato “atomo”.

Nel XX secolo la città divenne molto più grande, assorbendo i paesi vicini e nel 1918 fu anche capitale del Baden-Wurttemberg; questa prosperità fu interrotta dalla seconda guerra mondiale che causò molti danni, ma dalla quale Karlsruhe riuscì a risollevarsi in fretta.

Sono ancora di questa città i primati del XX secolo come la prima area pedonale (1972), la prima email ricevuta via computer (1984). Tra gli anni 2001 e 2005 a Karlsruhe sono stati inaugurati due dei più estesi centri commerciali d’Europa, Europaplatz e Ettlinger Tor.


Altre guide di viaggio

Dai uno sguardo a queste ulteriori guide di viaggio che potrebbero interessarti.