Napoli

Napoli è una delle città più belle d’italia, grazie alle sue bellezze storiche ed ai suoi tesori artistico-culturali: monumenti, chiese, musei e opere d’arte dal valore inestimabile.

Fondata nel V secolo a.C. da un gruppo di coloni greci, attratti dall’amenità delle sue coste, l’affascinante città di Napoli presenta un notevole patrimonio artistico e culturale, oltre a godere di un incantevole paesaggio naturale e di un gradevole clima.

Napoli è una città dove passare qualche giorno immersi nella storia, nella cultura e nello spirito mediterraneo. Sono davvero tante le vicende che hanno caratterizzato l’epopea di questa città, da sempre al centro degli avvenimenti italiani ed europei.

Lo spirito napoletano è famoso nel mondo, e rappresenta per certi versi un vero e proprio simbolo dell’italianità in tutti i suoi lati, quelli più sinceri e quelli più bui. Le cose che si possono fare o vedere a Napoli sono tantissime.

Il turista che arriva per visitare Napoli ha davanti un trionfo di diversi stili artistici: dai musei agli edifici pubblici nelle strade, la città raccoglie le vestigia di diversi secoli e dei popoli che si sono avvicendati al governo.

Napoli è anche letteratura e teatro, con opere che sono entrate nell’immaginario collettivo assieme ai loro interpreti e autori. È davvero una città che non si finisce mai di scoprire, dove il visitatore curioso può trovare tantissimi spunti per arricchirsi culturalmente.

Al giorno d’oggi Napoli potrebbe sembrare una città caotica e disordinata, ma andando più a fondo si scopre invece una città pulsante, raffinata, erudita e ricca di tesori. Basti pensare ai tanti capolavori artistici custoditi  nel suo centro storico, situato a soli pochi metri dal caos della stazione di Piazza Garibaldi.

Girare per le strade è il miglior modo per fare esperienza dell’atmosfera di questa città: passeggiando lungo Spaccanapoli, il decumano inferiore costruito in epoche antichissime dai Romani, è possibile contemplare le antiche chiese, le caratteristiche botteghe, i palazzi storici e l’inconfondibile odore di buona pizza napoletana.

Uno dei monumenti più importanti di Napoli è senza dubbio il Duomo di San Gennaro, all’interno del quale si trova il Museo che custodisce il Tesoro del Santo. Il Tesoro comprende reliquie e oggetti preziosi, divenuti oracoli di fede.

Sempre nel centro storico, si trova la Cappella San Severo, un vero e proprio gioiello, che custodisce il Cristo Velato, una delle opere più affascinanti che si possono contemplare a Napoli.

Da non perdere è inoltre la visita al Museo Archeologico di Napoli, che tra le sue numerose opere d’arte, conserva i ritrovamenti degli scavi di Pompei, i reperti di epoca greco – romana e le opere egizie ed etrusche della collezione Borgia.

Per chi non soffre di  claustrofobia, si consiglia poi la visita a Napoli sotterranea, un groviglio di cunicoli scavati nella roccia tufacea al di sotto della città,  dove miti e leggende rivivono anche ai giorni nostri.

Inoltre, tra le chiese più importanti di Napoli, ricordiamo la Chiesa del Gesù Nuovo e la Chiesa di Santa Chiara, opere d’arte che sono ormai diventate simboli artistici e religiosi della città.

Scendendo via Roma e arrivando fino a Piazza del Plebiscito si scorge il Palazzo Reale, straordinaria opera d’arte realizzata nel 600 da Domenico Fontana.

Sul lungomare si può ammirare l’affascinante Castel del l’Ovo, posto un tempo a difesa della città.

Infine, non si può fare a meno di visitare il Museo di Capodimonte, che ospita opere che vanno da Botticelli a Goya, passando da Caravaggio fino ad Andy Warhol. Parte integrante della visita al Museo di Capodimonte è anche la scoperta del parco che lo circonda, una delle zone verdi più belle di Napoli.

Chiaia: il quartiere chic di Napoli

Napoli è conosciuta nel mondo soprattutto nella cronaca nera e nei luoghi comuni..ma non tutti sanno che anche a Napoli esiste una zona ricca, pulita e splendida,che è la smentita di tutti gli aspetti negativi rinomati… è il bellissimo quartiere di Chiaia.

L’attuale quartiere Chiaia nacque nel XVI secolo, sviluppandosi come un borgo al di fuori delle mura della città. La zona era ricca di giardini, e caratterizzata da due strade principali: una costiera (l’attuale riviera di Chiaia) e una più interna. L’assetto originario fu radicalmente cambiato nella seconda metà del 1800, con la realizzazione di via dei Mille e del rione Amedeo.

La riviera di Chiaia, antico lungomare della città prima della costruzione di via Caracciolo, vede la presenza di begli edifici nobiliari, tra cui si distingue la villa Pignatelli, col verde parco antistante.
Scendendo verso il mare, da piazza Sannazaro ci si trova nella zona di Mergellina, con gli chalet, il porticciolo turistico e lo stretto contatto col mare.

Il quartiere Chiaia è oggi uno dei più eleganti ed esclusivi della città: palazzi incantevoli,teatri, negozi di marca, ristoranti e bar di lusso,delimitano le strade di questa zona di classe.

Questo è uno dei quartieri più in di Napoli. Vi troverete tutte le grandi griffe della moda e del lusso, ma anche molti ristoranti, bar e baretti che intrattengono i giovani con gli immancabili cocktail. Trovare un posto auto è quasi impossibile, ed è quindi consigliabile raggiungerlo con i mezzi pubblici, gli autobus, la linea 2 della metropolitana o la funicolare di Chiaia. Le persone che lo frequentano, soprattutto la mattina ed il pomeriggio sono molto distinte, a volte addirittura con la puzza sotto al naso. Di sera invece l’attrattiva principale è rappresentata dai già citati baretti che attirano migliaia di giovani per bere qualcosa.

Cimitero Monumentale di Poggioreale

Il Cimitero di Poggioreale si trova proprio vicino all’aeroporto di Napoli Capodichino, a nord – est del centro storico, ed è ben lungi dall’essere un luogo tetro e lugubre. Il cimitero si arrampica su una collina con i suoi viali di cipressi verdi;  sculture dal valore inestimabile vegliano su tombe di personalità illustri, quali Benedetto Croce, Francesco De Nicola e Carlo Pisacane. Arrivateci direttamente dall’aeroporto di Capodichino oppure con la metro (fermata Poggioreale).

Napoli sotterranea

È, almeno in teoria, elencata tra le maggiori attrazioni di Napoli. Tuttavia è spesso trascurata dal turismo di massa, e a torto. Non tutti infatti sanno che il sottosuolo di Napoli è attraversato chilometri di gallerie scavate nel tufo, a circa quaranta metri di profondità; e che questi tunnel furono usati in passato come nascondigli, luoghi di culto, rifugi e perfino depositi di auto (come il Tunnel Borbonico). Si accede da Piazza San Gaetano, scendendo una lunga scalinata di pietra. Il Tunnel Borbonico invece collega Piazza del Plebiscito a Piazza della Vittoria e vi si accede da Via Morelli oppure da Vico del Grottone. Non perdete quest’occasione per passeggiare nella “città parallela”.

Cimitero delle Fontanelle

In una guida alla “Napoli insolita” non può mancare il Cimitero delle Fontanelle, nel Rione della Sanità. Parte delle Catacombe napoletane, si tratta di un antico cimitero scavato nel tufo, un vero e proprio ossario. La sua storia è simile a quella delle Catacombe di Parigi: migliaia di resti anonimi si accumularono in queste gallerie nel corso dei secoli, in seguito ad epidemie oppure ogni qualvolta i cimiteri cittadini in superficie venivano “ripuliti” dalle autorità. È rimasto abbandonato per anni, per essere aperto al pubblico solo dopo il 2002. Passate attraverso il suo ingresso monumentale ed addentratevi attraverso le sue gallerie, tra lapidi, scheletri e cupe leggende.

Share This