Roma

Roma, la città eterna, è rinomata nel mondo: le attrazioni storiche e artistiche che si trovano in città portano via settimane, per esser visitate tutte.

Dal Colosseo ai Fori Imperiali, da San Pietro ai Musei Vaticani, passando per il Pantheon, Villa Borghese e tantissimi altri luoghi di fascino unico, per scoprire tutta questa bellezza è indispensabile avere parecchio tempo a disposizione.

Roma è talmente ricca di bellezze artistiche, di piccole curiosità e di buona gastronomia che, per assaporarne pienamente l’atmosfera, sarebbe consigliabile una permanenza di almeno un paio di settimane.

Cosa vedere a Roma

Infinite sono le motivazioni per visitare Roma: dal Colosseo ai Fori Imperiali, da San Pietro ai Musei Vaticani, passando per il Pantheon, Villa Borghese e tantissimi altri luoghi di fascino unico. Roma presenta un’altissima concentrazione di monumenti e luoghi importanti a livello internazionale. Le cause di tale concentrazione sono da ricercare nelle vicende storiche che hanno avuto come teatro l’Urbe a partire dalla nascita dell’Impero Romano.

Il colonnato del Bernini a Piazza San Pietro, la Fontana di Trevi di felliniana memoria, la scalinata di Piazza di Spagna e Campo dei Fiori, dove venne eseguita la condanna di Giordano Bruno, sono sicuramente luoghi indimenticabili. Esiste, tuttavia, una Roma un po’ più nascosta ma altrettanto stupefacente come, per esempio, quella della zona del ghetto ebraico, ancora carica di storia ma anche di pittoresche botteghe artigiane. Da non perdersi, nel rione Sant’Angelo, la deliziosa e poco nota Fontana delle Tartarughe, sempre del Bernini, oppure, spingendosi verso Ostia, il ricchissimo sito archeologico di Ostia Antica dove, in diverse sere estive, è possibile assistere a opere teatrali greche e romane nel teatro greco immerso in uno splendido parco.

Basilica di San Pietro in Vincoli

Costruita nel 442, questa Basilica fu voluta dall’imperatrice Licinia Eudossia per conservare le catene di San Pietro che sua madre aveva ricevuto in dono dal patriarca di Gerusalemme e quelle con cui il santo era stato legato nel carcere Mamertino. La leggenda vuole che Papa Leone I le avvicinò e queste si unirono in modo indissolubile.

Tra le cose da vedere all’interno della basilica va ricordato il famoso Mosè di Michelangelo, oltre ad altre opere minori del grande scultore e dipinti del Guercino e del Domenichino.

Chiesa di Santa Maria della Concezione dei Cappuccini

Si tratta di una piccola chiesta situata in Via Veneto (numero 27), eretta tra il 1626 e il 1631, formata da una sola navata con dieci cappelle laterali che ospitano reliquie e affreschi.

Questi ultimi, a opera di Guido Reni, del Domenichino e forse anche del Caravaggio (l’attribuzione del San Francesco in preghiera è recente), sono sicuramente da visitare, ma probabilmente l’attrazione più affascinante (anche se un po’ macabra) di questo edificio sta nella cripta: ossario, le cui pareti sono rivestite delle ossa di oltre 4.000 frati cappuccini e al cui interno si trovano anche alcuni frati mummificati con indosso le loro tipiche vesti.

L’ingresso alla cripta è segnato da una targa che recita “Noi eravamo quello che voi siete e quello che noi siamo voi sarete“.

Città del Vaticano

Città del Vaticano

La Città del Vaticano si trova nel cuore di Roma e offre ai turisti davvero diversi motivi per meritarsi una visita.

L’elenco di cose che ci sarebbero da vedere è sterminato, di sicuro leggere gli articoli della sezione aiuterà nella scelta. Menzione speciale va ai meravigliosi Musei Vaticani, dov’è possibile osservare le opere di Rafffaello, del Pinturicchio, di Botticelli e Leonardo.

Basilica di San Pietro

Per tutti coloro che si recano alla Città del Vaticano tappa obbligatoria è sicuramente la Basilica di San Pietro che merita lunghe e accurate visite per onorarne la sua bellezza. Il nome completo è Basilica Papale di San Pietro in Vaticano. Ad essa cui fa da coronamento la monumentale piazza San Pietro.

Simbolo della cristianità, la Basilica di San Pietro è la più grande chiesa cattolica del mondo.

Venne costruita nel 324 d. C. per volere di Costantino nel luogo in cui venne sepolto Pietro, il primo Vescovo di Roma. È senza alcun dubbio un’opera incredibile di grandissimo valore architettonico ed è interiormente impreziosita da opere d’arte appartenenti a Raffaello, Michelangelo, Bramante e altri. Una visita da queste parti è d’obbligo per credenti e non.

Opera eccelsa del Bernini, il Colonnato che abbraccia i visitatori al loro arrivo di fronte alla Basilica è una delle opere architettoniche di Roma mai eguagliate in bellezza e misticità.

Musei Vaticani

Oltre alla Basilica per chi si reca in visita alla Città del Vaticano è d’obbligo una visita ai Musei Vaticani. I Musei Vaticani rappresentano uno dei luoghi più visitati in assoluto a Roma, sia dai turisti che dai romani.

Si tratta di un complesso museale grandioso sia nelle dimensioni che nella qualità delle opere artistiche qui ospitate.

Per coloro che non si intendono di arte, però, la visita ai Musei Vaticani può essere complicata sia dalle eccezionali dimensioni dell’edificio che dall’ampio numero di pezzi qui presenti.

Ecco cosa visitare all’interno dei Musei Vaticani:

  • Cappella Nicolina: affrescata dal Beato Angelico (Fra’ Giovanni da Fiesole).
  • Appartamento Borgia: immediatamente successivo alla Cappella Nicolina e decorato dal Pinturicchio.
  • Cappella Sistina: qui si trovano alcuni tra gli affreschi più importanti del mondo, realizzati da Michelangelo tra i quali la famosa Creazione di Adamo (oltre ad altre scene della Genesi, Profeti e Sibille) ed il Giudizio Universale. Sempre nella Sistina sono presenti opere di Perugino, Botticelli, Ghirlandaio, Pinturicchio oltre a degli arazzi realizzati dai disegni di Raffaello.
  • Pinacoteca: con opere come “La Deposizione” di Caravaggio, “San Gerolamo” di Leonardo Da Vinci e “La Madonna di Foligno” di Raffaello.
  • Stanze di Raffaello: la Stanza dell’Incendio del Borgo, la Stanza della Segnatura, la Stanza di Eliodoro e la Sala di Costantino, tutte affrescate da Raffaello con l’aiuto dei suoi allievi, tra cui Giorgio Romano.

Le file alla biglietteria sono sempre molto lunghe, per questo è consigliabile prenotare l’ingresso online prima della visita.

Roma - Colosseo

Colosseo

La visita della città non può non includere il più celebre monumento del mondo: il Colosseo. Sicuramente vale la pena affrontare una lunga coda per avere il privilegio di visitare l’interno dell’arena e le gallerie sotterranee che ospitavano le belve destinate alla lotta con i gladiatori.

L’Anfiteatro Flavio, simbolo di Roma da secoli, è sicuramente uno dei monumenti più visitati del mondo e dei più fotografati.

Antica arena dei gladiatori, il Colosseo è ancora oggi l’essenza della città e una visita è d’obbligo. È consigliabile acquistare i biglietti d’ingresso online, in modo da evitare lunghi tempi di attesa all’entrata.

Roma - Fontana di Trevi

Fontana di Trevi

Resa celebre da una leggenda che vuole che chiunque vi getti una monetina tornerà di certo a Roma, la Fontana di Trevi è tra i monumenti più amati della città eterna.

Disegnata nel 1735 da Nicolò Salvi, questa fontana è considerata la più bella del mondo ed è ogni anno visitata da centinaia di turisti. È stata anche set cinematografico di vari film, il più famoso dei quali è “La Dolce Vita”, simbolo di un saper vivere tipico degli italiani in generale e dei romani in particolare.

Roma - Pantheon

Pantheon

Costruito tra il 27 e il 25 a. C. (poi rimaneggiato più volte), è uno dei monumenti romani più amati dai turisti, soprattutto per la sua cupola forata, alta ben 44 metri.

Questo monumento nasce come tempio dedicato a tutte le divinità e simboleggia la rottura con la tradizione per cui solo sacerdoti e vestali potevano entrare in luoghi sacri: il Pantheon era infatti di libero accesso per il popolo romano.

È l’edificio antico meglio conservato nella città ed è una vera opera di ingegneria e architettura. Anche se sembra di piccole dimensioni da fuori, in realtà, una volta entrati, ci si rende conto della sua imponenza.

L’entrata al Pantheon è gratuita.

Parco Savello

Meglio conosciuto come “Il Giardino degli Aranci”, è un parco posto sul colle Aventino la cui denominazione è dovuta alla presenza di numerose piante di aranci, mentre il nome ufficiale deriva dalla famiglia dei Savelli, che tra il 1285 e il 1287 fecero erigere qui il loro maniero.

Il giardino, assieme al belvedere del Pincio e del Gianicolo, offre una visuale privilegiata delle città, dominata dall’alto e visibile in tutto il suo splendore.

Roma - Piazza Navona

Piazza Navona

Nel pieno centro della città si trova questa famosissima piazza, conosciuta in tutto il mondo per ospitare al suo centro la Fontana dei Quattro Fiumi del Bernini. Oltre a questa fontana ne sono presenti altre due ai suoi lati, mentre alle sue spalle si erge la Chiesa di Sant’Agnese in Agone.

L’atmosfera che si respira in questo luogo è molto particolare, anche grazie al fatto che la piazza si affolla spesso di artisti che mostrano le loro opere e riempiono la piazza di colore e allegria.

Roma - Villa Borghese

Villa Borghese

Meta obbligata di una visita, Villa Borghese è un grande parco della città di Roma che comprende sistemazioni a verde di diverso tipo. Il grande parco contiene diversi edifici e ha ben nove ingressi.

Il giardino del Pincio, situato nella parte sud del parco, offre un bellissimo panorama sulla città.

Villa Doria Pamphilj

Storico parco di Roma che si estende su ben 180 ettari. Il parco un tempo era noto con il nome di “Villa del buon respiro grazie alla sua posizione privilegiata su un’altura che la teneva lontana dal caos e dall’aria cattiva della città.

Le parti costituenti della Villa Doria Pamphilj sono tre:

  1. La pars urbana, che comprende il palazzo e i giardini.
  2. La pars rustica, che comprende l’area coltivata.
  3. La pars fructuaria, che comprende la splendida pineta.

Da non perdere al suo interno la meravigliosa e perfettamente conservata “Villa Vecchia”, nucleo degli edifici appartenuti alla famiglia Pamphilj ed oggi adibita a museo comunale. Altri punti di interesse della Villa Doria Pamphilj sono il Casino del buon respiro, la Cappella Doria Pamphilj, i Giardini segreti, il Giardino del Teatro e le fontane della Venere e del Giglio.

Roma - Vittoriano

Vittoriano

Il bianchissimo Vittoriano (o Altare della Patria) è uno dei monumenti più imponenti e pittoreschi del centro di Roma. Il suo nome deriva da Vittorio Emanuele II di Savoia, primo Re d’Italia, a cui è dedicato.

La sua costruzione iniziò nel 1885 e si concluse nel 1935. Ma fu inaugurato ufficialmente e aperto al pubblico già nel 1911, in occasione delle celebrazioni del 50º anniversario dell’Unità d’Italia. Pensato come un moderno foro: un’agorà su tre livelli collegati da scalinate e sovrastati da un portico con colonnato.

Questo monumento ha una importante valenza simbolica, rappresentando un tempio laico dedicato metaforicamente all’Italia libera e unita e celebrante il sacrificio per la patria e per gli ideali connessi (in virtù della tumulazione del Milite).

Attività da fare a Roma

Prenotazione sicura, facile e rapida, prezzi vantaggiosi e assistenza clienti in italiano.

Dove mangiare a Roma

Per quanto riguarda la buona cucina non c’è che l’imbarazzo della scelta, ma Trastevere rimane sicuramente una garanzia.

Infinite sono le motivazioni per visitare Roma. Elencarle tutte sarebbe impossibile e forse un po’ inutile, quantomeno ripetitivo. Sicuramente una delle numerose qualità della città eterna è il mangiar bene. Non passa giorno, anzi ora, senza essere tentati di entrare in uno dei numerosi caffè, bar e ristoranti ed assaporare le numerose prelibatezze.

Quindi, oltre al solito giro turistico alla scoperta delle bellezze archeologiche della capitale, i turisti in visita a Roma devono prepararsi a vivere una vera e propria food experience, passando da un cornetto e un cappuccino, ad un piatto di carbonara e una porzione di coda alla vaccinara, concludendo poi con un gustoso e fresco gelato.

Per una buona colazione è consigliabile il Bar Grecco, da non confondere con lo storico caffè Greco a Via Frattina, anch’esso degno di nota ma un po’ nemico del portafoglio. Buon caffè e caldi cornetti sfornati dalle 6:00 fino alle 10:00 inoltrate. Ce n’è davvero per tutti i gusti: dai cornetti integrali per i più salutisti, a quelli semplici per i tradizionalisti, per poi passare a quelli più golosi e sfiziosi quali cornetti e bombe alla crema.
Per una colazione diversa, si possono assaggiare i biscotti fatti in casa e i mignon davvero imperdibili.

Per un pranzo leggero e salutare non c’è niente di meglio che un salmone fresco marinato all’arancia del ristorante Spago al Parlamento. Situato a pochi passi dal Parlamento, questo ristorante è specializzato in menù di pesce da consumare nella veranda estiva.

Se dopo una giornata intensa si ha voglia di rilassarsi e godersi il panorama del Colosseo al tramonto, l’Oppio Caffè è il locale ideale. Questo bar al centro di Roma offre un abbondante aperitivo (buffet dalle 18:00 alle 21:00) con una vastissima scelta di portate calde e fredde.

Se si ha ancora fame consigliata assolutamente una cena al ristorante L’Antica Taverna vicino Piazza Navona. L’ottimo rapporto qualità prezzo è uno dei numerosi punti a favore di questo ristorante romano. Il giovedì si possono assaggiare i fantastici gnocchi fatti in casa preparati secondo l’antica ricetta romana. Le altre specialità romane che rendono gloria a questo ristorante sono la trippa alla romana e il fegato con cipolla e alloro. Una prelibatezza per i palati più fini è la papera alle erbe.

Può mancare il gelato? Assolutamente no, soprattutto se si visita Roma in estate! Dove andare? Alla gelateria Gelarmony vicino Piazza del Popolo. Nota per le specialità siciliane, i gusti che assolutamente non si può non assaggiare è “Vitamine dell’Etna” con succo di limone, pompelmo e arance. Per i più raffinati da provare “Profumo di Sicilia” al gelsomino, mentre per gli amanti del cioccolato il cacao di Modica e il Calacusi, con cioccolato, mou e arachidi.

Certo mangiare tutto questo in una giornata può essere impegnativo, ma sicuramente si passa una giornata o un week end all’insegna del gusto passeggiando e mangiando nei migliori ristoranti di Roma.

Altri ristoranti di Roma da visitare:

  • Da Ivo a Trastevere: la pizzeria più rinomata di Roma. Via di San Francesco a Ripa 158.
  • Corsetti Il Galeone: specialità di pesce e romane in un’atmosfera marinaresca. Piazza San Cosimato 27.
  • Da Meo Patacca: cucina e stornelli romaneschi nel ristorante di Roma più rinomato. Piazza de’ Mercanti, 30. 
  • Ristorante Sabatini: la pizza più antica di Roma. Piazza di Santa Maria in Trastevere, 13.

Altre guide di viaggio

Dai uno sguardo a queste ulteriori guide di viaggio che potrebbero interessarti.